Dislessico – Festival dell’editoria sociale e indipendente e delle autoproduzioni

Il 10-11-12 ottobre 2014 allo spazio pubblico autogestito Xm24 si terrà il Festival con il titolo più lungo della storia: Dislessico- Festival dell’editoria sociale e indipendente e delle autoproduzioni.

Un festival e non una fiera o mostra-mercato del libro perchè ci piacerebbe proporre un punto d’incontro tra lettori, editori, autori, infoshops e centri di documentazione  all’interno del quale il libro venga considerato non solo come merce, bensì come mezzo per entrare nelle contraddizioni del tempo che stiamo vivendo. Il libro, la fanzine, il documentario sono il pretesto per affrontare nuove narrazioni politiche ed esistenziali.

Ci piacerebbe che il festival fosse un’occasione per condividere le reti e le esperienze che partono sopratutto dal basso,  come ad  esempio Distribuzioni dal Basso oppure Rebal (Rete delle Biblioteche e Archivi Anarchici e Libertari) e discutere sulle alternative di pubblicazione e distribuzione, una partecipazione quindi,  attiva, ragionata e critica.

Il programma (in construzione) prevede presentazioni, laboratori, reading, proiezioni, concerti e un’intera giornata -quella di domenica- dedicata alle autoproduzioni.

Per proposte dipresentazioni, laboratori, info e suggerimenti:

infoshock@xm24.indivia.net

Posted in General | Tagged | Commenti disabilitati su Dislessico – Festival dell’editoria sociale e indipendente e delle autoproduzioni

Archivio grafton

Un archivio di digitalizzazioni di materiali sull’attivismo, l’autogestione e le culture hacker in italia nella fine dello scorso millennio.

La Grafton9, prima in via Paradiso e poi in piazza Aldrovandi a Bologna, era una struttura di produzione e diffusione editoriale specializzata in materiali autoprodotti e pubblicazioni underground. Una gran parte dei nostri libri sono stati acquistati lì. Questo archivio ne riprende il nome ma non è una continuazione di quella esperienza.
Nel link trovate le prime digitalizzazioni sfogliabili da archive.org. In futuro ci sarà un sito con funzioni di ricerca e navigazione del catalogo.

grafton9.net

archiviograftongalleria

Posted in Hacking, Opuscoli, Storia di movimento | Tagged , , , | Commenti disabilitati su Archivio grafton

Il suono come arma.L’uso militare e poliziesco dello spazio acustico

È possibile usare il suono come un’arma? Stando a ciò che è accaduto sul piano militare e poliziesco negli ultimi vent’anni, la risposta è sì. Dai bombardamenti di rock compiuti dall’esercito americano in Iraq all’heavy metal a tutto volume usato come strumento di tortura a Guantanamo, la funzione del suono per usi militari e di ordine pubblico è sempre più importante. Rap, metal e persino canzoni per bambini diventano armi utilizzabili a scopo repressivo, segnale della continuità tra industria del divertimento e industria militare.

Posted in Musica, Sistemi carcerari/Repressione | Tagged , , , , | Commenti disabilitati su Il suono come arma.L’uso militare e poliziesco dello spazio acustico

Solidarietà al C.S.O.A. Cartella


Comunicato del Cartella:

Il 25 aprile Festa della Liberazione abbiamo festeggiato i dieci anni di occupazione. Un traguardo importante per una realtà come la nostra che nell’estremo Sud rappresenta la possibilità di vivere e condividere secondo modelli altri, e non quelli che il “sistema” ci impone. Sicuramente una tappa significativa per un’esperienza che, a Reggio Calabria, la nostra città, la città dei “Boia chi Molla”, ha dato fastidio a parecchi e suscitato diversi episodi di intolleranza.

E infatti in questi dieci anni ne abbiamo viste e subite tante, dagli attentati incendiari, ai raid vandalici, dalle svastiche vergate sui muri, ai manifesti inneggianti alla nostra morte. Azioni affatto piacevoli, ma di certo messe in conto quando abbiamo deciso di dar vita a questa esperienza. Azioni comunque la cui origine è stata sempre chiara.

Oggi invece siamo costretti a denunciare una stranissima sequenza di fatti che purtroppo vedono protagonista il nostro spazio, una serie di piccoli “incidenti”, che visti singolarmente possono anche apparire sciocchezze, ma che così concentrati nel tempo rappresentano per noi un subdolo tentativo di intimidirci, di farci desistere, di far chiudere questa realtà.

Stiamo parlando di azioni di sabotaggio di vario tipo, come la rottura sistematica di lampioni e plafoniere, la colla messa nei lucchetti, la devastazione dei rifugi della colonia felina, la rottura di vetri e diversi tentativi di effrazione. Fino all’ultimo triste caso, alla vigilia del Primo Maggio e della giornata di festa organizzata al Cartella, quando abbiamo ritrovato la porta della cucina completamente divelta, le scorte di cibo e bevande acquistate per l’iniziativa saccheggiate e anche parte delle attrezzature audio rubate.

In un periodo di crisi, è fuor di dubbio che il numero di furti aumenti, ma queste dinamiche, queste tempistiche, non sono certo collegabili a chi ruba per bisogno: sono atti intimidatori, sgarri da mafioso di infimo grado, fatti per colpirci.

Il tentativo è quello di farci mollare, questo è chiaro, quello che ancora ci sfugge è il perché di tutto ciò. Forse perché questa struttura, ormai punto di riferimento non solo per attivisti e simpatizzanti ma anche per la gente del quartiere, è diventata troppo appetibile per chi desidera trasformarla in bar, pizzeria, luogo di profitto. Forse perché, anche se siamo uno spazio liberato, non consentiamo che all’interno si possa spacciare o perseguire i propri interessi. O forse perché lo vorrebbero vedere abbandonato come un tempo, e non attivo e vissuto attraverso corsi di italiano gratuiti per stranieri, cineforum, presentazioni di libri, concerti, rappresentazioni teatrali, mercati contadini equi e solidali: tutto questo senza mai chiedere soldi pubblici e contando esclusivamente sulla pratica dell’autogestione.

Questa situazione sta rappresentando per noi un grosso costo, sia in termini economici che di tempo sottratto ad altre iniziative in campo, per questo abbiamo deciso di lanciare la campagna “Io sto con il Cartella”, alla quale chiediamo a tutte e tutti di aderire. Nei prossimi giorni, nell’ambito di questa campagna, organizzeremo una serie di iniziative benefit alle quali vi chiediamo di partecipare e di promuovere.

Perché chiunque abbia compiuto questi ignobili gesti, pensando di poterci stancare, disilludere, desistere, si sta sbagliando di grosso: la Resistenza è nel nostro DNA e non molleremo di certo!

“Voi non potete fermare il vento, gli fate solo perdere tempo”

Posted in Antifa | Tagged , , , | Commenti disabilitati su Solidarietà al C.S.O.A. Cartella